Usability: interazione uomo e interfaccia

Quando le persone hanno dei problemi ad utilizzare un’interfaccia non è perchè sono stupide, è perché l’interfaccia è troppo complicata

ed è per questo motivo sono importanti i test di usabilità

Jackob Nielsen, considerato il guru mondiale in usabilità, ha identificato cinque parametri fondamentali per capire se la tua interfaccia sia davvero funzionale oppure no

  1. Semplicità: ovvero l’utente riesce a capire velocemente come navigare un sito web e le sue principali funzionalità
  2. Efficacia: riesce a raggiungere l’obiettivo preposto in breve tempo (ad esempio trovare l’informazione che sta cercando o concludere un acquisto)
  3. Memoria: l’utente riesce facilmente a memorizzare il flusso della navigazione e le funzioni disponibili al suo interno
  4. Errori: l’utilizzatore ha commesso pochi errori di navigazione e raramente commette nuovamente lo stessa azione
  5. Soddisfazione: riguarda l’appagamento che prova l’utente nel riuscire a raggiungere l’obiettivo desiderato in poco tempo e senza troppe frizioni e barriere

Quindi l’usabilità non riguarda fondamentalmente l’aspetto o il design di un’applicazione mobile o sito web quanto piuttosto indica la semplicità di interazione uomo – interfaccia.

Ma l’usabilità fa riferimento anche ad altri concetti base quali l’ergonomia, ovvero la disciplina scientifica che si occupa dei problemi relativi alle interazioni tra persone e sistemi esterni

e lo human interaction design ossia lo studio, la pianificazione e il design dell’interazione tra persone ed computer ad esempio

basandosi sul concetto di user centered design: il processo di progettazione di un software o un sito basato sul punto di vista e sulle esigenze degli utenti.

Quindi per valutare l’usabilità di un’applicazione si svolgono delle sessioni di osservazione diretta dell’interazione tra un utente e un servizio digitale

I test vengono svolti individualmente, assegnando all’utente uno o più task da svolgere, e analizzando il suo comportamento nel portarli a termine.

Possono essere svolti durante la fase di sviluppo di una piattaforma digitale,

per verificare il comportamento degli utenti e apportare eventuali modifiche in corso d’opera

oppure possono essere svolti quando un servizio digitale è già in sperimentazione o in uso,

per capire quali problemi l’utente riscontra nell’utilizzo e riprogettare di conseguenza alcuni componenti della piattaforma stessa

Quindi l’obiettivo finale della usability è quello di rendere invisibile la tecnologia sottostante

trasparente per l’utente che deve concentrare la propria attenzione e lo sforzo cognitivo principalmente sul compito, senza disperderli sull’utilizzo del mezzo.

Letture consigliate:

Keep it simple!

Spread the love
Translate