Manifesto del lavoro

Il manifesto del lavoro è una dichiarazione etico-morale composta da un insieme di messaggi e valori.

Il suo fine ultimo è stimolare ed incentivare ognuno di noi al meglio delle proprie potenzialità proponendo ideali e visione condivisa.

Ne ho raccolto i principali valori.

Uno

Non è importante quello che fai, quanti anni hai, il tuo background, il tuo percorso di studi. Quello che importa, quando fai una cosa, è farla come se dovessi essere il numero uno al mondo. Il numero uno, non il due o il tre. Poi potrai anche essere il penultimo, non importa, la prossima volta andrà meglio; ma questo riguarda il risultato non l’approccio: nell’approccio hai una sola possibilità, cercare di essere il migliore

Due

Le domande che che ognuno di noi dovrebbe porsi, al fine di fare bene il proprio lavoro e contribuirne allo sviluppo di un’etica responsabile e costruttiva, sono le seguenti:

  • Cosa sto facendo?
  • Come lo sto facendo?
  • Perchè?

Tre

Le idee radicali non sono cattive idee

Quattro

Quello che va “quasi bene” non va bene: non accontentarti della mediocrità delle tue azioni, del tuo operato e dei tuoi risultati

Cinque

Ogni tipo di lavoro, se svolto con passione, diventa di per se soddisfazione, conoscenza, creatività, intelligenza, intraprendenza, connessione, autonomia, innovazione, dedizione, professionalità delle persone e delle organizzazioni

Sei

Il lavoro deve essere in grado di aggregare sapere, creatività e bellezza

Sette

Le organizzazioni destinate ad avere più futuro, sono quelle che riescono a connettere il fare con il pensare, ad affermare idee e modelli innovativi in grado di tradurre con più efficacia le idee in azioni e gli obiettivi in risultati

Otto

Vanno ripensate la relazioni esistenti tra capacità di innovare, di co-creare, di conquistare spazi di mercato e il relativo riconoscimento sociale del lavoro

Nove

E’ necessario riconoscere il valore delle donne e degli uomini che ogni giorno con il proprio lavoro danno più significato alle proprie vite e più futuro al proprio Paese

Dieci

Il lavoro è la qualità che fa muovere un Paese, che lo fa ripartire, che lo sostiene nei suoi percorsi di cambiamento e di sviluppo, che non si accontenta dei casi di eccellenza, che si fa norma, che sa ascoltare ogni individuo all’interno dell’azienda

Undici

Non ha alcun senso rimanere legati a obsolete rivalità tra imprenditori e collaboratori, anziché sviluppare una consapevole collaborazione; una connessione complessa basata sui valori della competenza, ossia su misurabilità, confronto e trasparenza è la base per promuovere merito e dignità. Occorre una connessione tra comuni obiettivi, mission e sogni tutti nutriti di reciproca fiducia e trasparenza

Dodici

Un mondo che sa dare più valore al lavoro e meno valore ai soldi, più valore a ciò che sappiamo fare e meno valore a ciò che abbiamo, è un mondo migliore

Tredici

Con il tuo lavoro ed impegno puoi contribuire a cambiare il Mondo

Quattordici

Se il tuo lavoro non veicola valore allora è un lavoro come tanti e non è in grado di produrre innovazione, migliorie e progresso

Quindici

Oltre al lavoro, ogni persona dovrebbe avere anche il tempo per i propri interessi, stare con la famiglia, divertirsi, leggere, praticare uno sport. Quando un’attività non lascia spazio a uno svago salutare, allora diventa una schiavitù

Sedici

Un modello business che fa solo soldi e niente altro è un medello mediocre; occorre incentivare i talenti all’interno delle organizzazioni, veicolari valore aggiunto oltre le aspettative e mettere l’essere umano al centro dei processi.

Spread the love
Translate