Ho iniziato ad esplorare l’AI, ecco come la sto utilizzando

AI, artificial inteligence: ho iniziato ad utilizzare alcuni servizi free ed ecco a cosa mi sono serviti.

Quando si parla di AI ci appare una materia lontana da quello che potrebbe essere il suo utilizzo personale nel nostro quotidiano (nonostante il fatto che molti dei servizi con i quali lavoriamo adottano strutture intelligenti e di machine learning)

Fa parte della quarta rivoluzione industriale ma siamo ancora lontani da quel paragone uomo-macchina di cui tanto si parla: l’aspetto interessante è che abbiamo tonnellate di dati per addestrare le “nuove macchine”.

“When we search on Google, it’s an AI deciding what we should see. When a dating site matches two people together there’s a machine learning algorithm… that is getting people together, that then have babies. And so in effect you have this machine learning algorithm that is breeding humans.”— Sam Altman, discussing AI here.

L’AI permetterebbe di arrivare alla Luna ma siamo appena saliti sull’albero

Ad ogni modo, mi piace sempre sperimentare qualche tecnologia per comprendere l’eventuale applicazione nella vita reale e farmi una personale idea di quello che potrà essere nel futuro.

AI filippo scorza

Ho iniziato ad utilizzare quache strumento di AI, ed eccone alcuni che ho trovato interessanti e, soprattutto, utili nel mio contesto:

  • Findo: ti aiuta a trovare documenti tra gli allegati delle mail, folders, cloud e i tuoi vari dispositivi; in pratica cerca ovunque! Per me è davvero FIGO.
  • Mosaic: crea il curriculum grazie a questa inteligenza che ti suggerisce la parole chiave più performanti, trend topics e argomenti d’impatto che creano attenzione nel recruiter.
  • Brightcrowd: analizza i dati del tuo account Google (ma proprio tutti) e crea delle connessioni con altri utenti che possono aver bisogno del tuo aiuto e viceversa. Prova a fargli una domana!
  • Etch: è un vero e proprio assistente che trasforma i tuoi contatti (rubrica e social) in un database personale arricchendo ogni profilo con dati incrociati provenienti da fonti diverse: bio, skill, esperienze, passioni e molto altro.
  • Nudge: top! è il classico esempio di piattaforma che analizza i dati e ti suggerisce i corretti insights, news e mention che sono in qualche modo correlate alla tua attività. E’ come avere qualcuno che ti suggerisce il modo migliore per aumentare l’engagement.
  • Rey: inviagli il tuo curriculum e Rey ti crea un introduzione (cover letter) specifica e, previo tuo consnenso, la invia automaticamente ai recruiter che potrebbero essere interessati al tuo profilo!
  • Fin: non perdo tempo a spiegarti cosa può fare Fin, ti consiglio di provarlo: inizia a dialogare con lui, chiedigli  aiuto, un suggeriemento o assistenza per programmare qualcosa, qualsiasi!

La lista non finisce qui, anzi, segui questo link se ti va di dare un occhiata a tutto quello che sta succedendo nel contesto dell’intelligenza artificiale!

 

Spread the love
Translate