La trasformazione digitale è un mindset (Capitolo 01)

Premessa: sto scrivendo un libro omnichannel, è un esperimento. Ogni capitolo viene pubblicato su una piattaforma diversa con, ovviamente, il link al successivo. Alla fine di questa introduzione trovi il link al capitolo 02 “Darwinismo Digitale”.

Beta: questa è una versione pre-stampa; se vuoi contribuire con dei tuoi contenuti puoi scrivermi due righe a: hello@filipposcorza.com

Trasformazione Digitale Filippo Scorza

Ho deciso di scrivere questo testo perché, nel mio ruolo quale consulente per l’innovazione, mi sono trovato in molte situazioni in cui mi resi conto che lo scenario italiano dell’imprenditoria necessita di un cambiamento.

Si perché la trasformazione digitale non è un software o un’applicazione mobile.

E nemmeno adottare nuove tecnologie può essere definito trasformazione digitale.

E’ molto di più.

Deve essere intesa come un modo di pensare, un mindset, anche se mi sono ripromesso di utilizzare il minor numero possibile di termini inglesi in questo scritto.

La parola “digitale” porta con sé molti valori e caratteristiche tra le quali l’accessibilità ad informazioni di ogni natura in ogni momento (a-temporale) e luogo (a-spaziale).

E il vero focus andrebbe fatto sulla parola “trasformazione” che ti dovrebbe spingere a riflettere sul tema del cambiamento, del rischio e dell’innovazione.

Lo scenario mondiale ha assistito all’impatto del digitale in tutti i settori, sia privati che pubblici: dal medicale ai trasporti, dalle comunicazioni all’energia, dalla finanza all’istruzione.

Tale cambiamento ha inevitabilmente modificato gli assetti dei mercati ed il modo in cui consumatori ed utenti cercano, prendono decisioni, acquistano, si spostano e comunicano.

Le relazioni umane hanno subito anch’esse trasformazioni che si riflettono sull’intera società: sono cambiati i supporti che ci permettono di creare connessioni, comunicazioni ed interazioni tra le persone, sia che esse appartengano alla stessa comunità sia tra perfetti sconosciuti.

Il digitale è diventato un abilitatore e acceleratore di tali processi. Niente di più.

Il focus di questo libro non sarà tanto indicarti quali soluzioni digitali siano vincenti e quali no (anche perché non conosco il tuo modello di business e la tua organizzazione) quanto, piuttosto, trasmetterti un approccio e delle pratiche comuni adottate da aziende che si possono definire “digital leader” nei loro settori.

Prosegui al Capitolo 02: Darwinismo digitale.

Spread the love
Translate