Come intervistare i tuoi utenti

Intervistare i tuoi utenti è una buona pratica al fine di migliorarne l’esperienza, conoscere meglio i loro bisogni e problemi nella fruizione del tuo servizio o prodotto.

Il problema è che fare delle semplici domande non basta, si dovrebbero raccogliere degli insights.

Eh si, perchè in un mondo perfetto basterebbe chiedere ai propri utenti cosa desiderano e provare a soddisfare tali esigenze.

Ma gli essere umani sono più complicati di così

In alcuni casi non si permetterebbero di dirti che l’interfaccia che hai disegnato fa schifo,

perchè forse trovano spiacevole fornirti feedback negativi

o semplicemente ti darebbero opinioni positive solo per essere gentili!

Quindi, per condurre un’intervista che ti permetta di comprendere meglio i tuoi utenti, dovresti seguire alcuni semplici consigli:

Non porre domande le cui risposte possano essere un secco si oppure no: costruisci domande aperte

Invece di chiedere “ti piace leggere contenuti sul sito xyz.com” dovresti chiedere qualcosa del tipo:

“raccontami la tua esperienza l’ultima volta che hai letto un articolo su xyz.com”

o ancora meglio: “raccontami la tua esperienza su xyz.com”

 

Cerca di andare in profondità nel flusso dell’intervista senza dover per forza attenerti alla sequenza delle domande

Ovvero, se un tuo utente fa riferimento ad una caratteristica del tuo prodotto complicata o difficile da utilizzare,

non dovresti chiedergli “perchè” quanto piuttosto ma una cosa del tipo:

“se tu avessi la bacchetta magica cosa cambieresti di tali caratteristica?”

Cerca di evitare terminologia complessa, complicata e difficile da comprendere

si perchè se stai lavorando ad un progetto da diverso tempo, forse determinate definizioni possono sembrare ovvie e scontate per te ma non per l’intervistato

UX, onboarding, sign up, finestra modale etc etc possono  risultare termini scomodi per il tuo interlocutore:

quindi cerca di essere chiaro e facilmente comprensibile

Accetta i momenti di silenzio e lascia il giusto tempo all’intervistato di pensare e riflettere sulla domanda

e al tempo stesso crea tu per primo dei momenti di silenzio:

a volte infatti tale situazione crea imbarazzo emotivo ed il tuo interlocutore potrebbe colmare quel gap con informazioni inaspettate ed utili

Quindi ascoltare molto e parlare poco

Cerca di essere sempre neutrale

Il “come hai fatto a non capire che funzionava così” o semplicemente delle espressioni di disappunto non aiutano l’intervistato e raccontarti liberamente la sua esperienza

Infine ricordati di chiedere per imparare, non per vendere!

Spread the love
Translate